“Ipovsione oggi: problematiche e prospettive” questo il titolo del seminario promosso da UICI Campania a Nola   Stampa questo documento dal titolo: . Stampa

Nola, 21 novembre Il Consiglio Regionale Campania dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS, con il patrocinio della IAPB Italia ONLUS, del Comune Di Nola e in collaborazione con la Biblioteca Italiana Per Ciechi Regina Margherita, il Centro Regionale Tiflotecnico della Campania e il Centro Regionale di Trascrizione Braille hanno organizzato lunedì 21 novembre presso l’aula consiliare del comune di Nola, un seminario informativo dal titolo “Ipovsione oggi: problematiche e prospettive” Ma cos’è l’ipovisione? L’ipovisione è una condizione di capacità visiva fortemente ridotta, irreversibile e bilaterale (colpisce entrambi gli occhi), che condiziona e limita l’autonomia dell’individuo, compromettendo lo svolgimento delle normali attività quotidiane. La vista persa, purtroppo, non può essere recuperata; tuttavia è possibile imparare a sfruttare al meglio le zone retiniche ancora funzionanti. Quest’obiettivo è raggiungibile attraverso la riabilitazione visiva, la quale consiste in un percorso personalizzato che – attraverso un adeguato inquadramento della persona ipovedente – consente di conservare le potenzialità visive residue (ottimizzandone l’impiego), così da superare alcune "disabilità" e recuperare la socialità, la comunicazione e la progettualità, migliorando in questo modo la qualità della vita. L’ipovedente oggi è visto però come un marziano quando gli va bene o un falso cieco quando entra nel vortice della disinformazione e decide di non arrendersi ad essere schiavo e succube della sua limitazione cercando di mantenere un minimo di autonomia e di dignità per la propria esistenza. Il consiglio regionale UICI Campania ha deciso per questo motivo di promuovere un primo appuntamento informativo su questo tema chiamando alla collaborazione enti come IAPB, per i temi della prevenzione, la Biblioteca di Monza, per gli ausili tiflodidattici e i servizi dedicati all’inclusione scolastica. La giusta sensibilità del comune di Nola che ha ospitato questo appuntamento ha completato il quadro istituzionale che l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti ha voluto arricchire con la presenza dell’unità oftalmica che è stata a disposizione della cittadinanza per uno screening gratuito della vista. IL SEMINARIO L’aula consiliare del comune di Nola è piena di persone quando il sindaco dà il suo benvenuto e tiene subito a precisare che da parte della sua amministrazione l’impegno sarà massimo per favorire la piena collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Agli indirizzi di saluto del rappresentante di S.Giuseppe Vesuviano, Giuseppe Ambrosino, è seguito quello del presidente della sezione napoletana, Mario Mirabile. Se Ambrosino nel presentare l’iniziativa ha voluto ricordare la figura del compianto Vittorio Ciniglio, che aveva voluto fortemente questa iniziativa, Mirabile si è soffermato sulle iniziative messe in campo per favorire l’integrazione degli ipovedenti e garantire a loro servizi dedicati. Il consigliere Nazionale Nunziante Esposito, coordinatore nazionale della commissione ausili e nuove tecnologie, ha ricordato come l’UICI sia fortemente impegnata a sostenere gli sforzi di tutti quelli che propongono nuovi ausili per favorire e migliorare la qualità della vita degli ipovedenti. Esposito ha tenuto aprecisare cone l’UICI si sia assunta l’onore di verificare che molti di questi progetti non siano solo un veicolo speculativo al solo scopo di guadagno Il primo relatore dott. Paolo Russo si è soffermato sugli aspetti socio ambientali legati alla disabilità visiva e alle carenti azioni che lo Stato mette in campo per il superamento di quelle difficoltà che scatenano fenomeni di crescità di soggetti invalidi che debbono poi subire l’inadeguatezza delle infrastrutture e l’incapacità di saper rispondere alle mutate esigenze di vita da parte degli enti preposti. Il dott. Filippo Cruciani ha, invece, introdotto il tema della conoscenza del fenomeno dell’ipovisione ponendo l’accento sui gravissimi ritardi nel sistema riabilitativo italiano. L’assenza di conoscenza del fenomeno sta creando grande disagio fra tutte le persone che sono colpite da ipovisione. Questa superficiale conoscenza del problema sta creando non poche difficoltà sul profilo giuridico della disabilità. A seguire il presidente della Biblioteca R.Margherita di Monza, Pietro Piscitelli, ha illustrato i servizi, che l’ente da lui presieduto, riservati agli ipovedenti e di come uno dei primi atti della sua presidenza fosse stato il potenziamento della trascrizione dei testi scolastici a caratteri ingranditi personalizzati per gli alunni ipovedenti. Ha,quindi, ricordato l’impegno che quotidianamente viene profuso dai centri di consulenza tiflodidattica della Biblioteca, ricordiamo che in Campania sono 2 rispettivamente a Napoli e Caserta, per favorire sempre di più una vera inclusione scolastica per tutti quegli alunni affetti da questo tipo di patologia. La dott.ssa Simonelli nel suo intervento si è soffermata nell’insorgere delle malattie visive dei bambini. Oltre ad illustrare le nuove tecniche e studi sui problemi dell’ipovisione ha dato grande sostegno all’azione di prevenzione che anche l’Unione svolge da tantissimi anni nel territorio. A questo punto si apero un interessante dibattito con numerose domande rivolte ai tre relatori che si sono alternati e qualche volte in coro per fornire risposte ai presenti. A tirare le fila di questo seminario è stato Adoriano Corradetti, membro della Direzione Nazionale e coordinatore nazionale della commisione che si occupa dei problemi degli ipovedenti, che nel suo intervento ha voluto ricordare il forte impegno dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti nel campo della prevenzione e dell’assistenza in favore dei soggetti colpiti dall’ipovisione. In Italia, ha ricordato Corradetti, manca una seria politica sanitaria che favorisca la riabilitazione e al contempo è necessario dare dignità legislativa agli ipovedenti che purtroppo sono in un limbo normativo e assistenziale che non favorisce la loro qualità della vita. Buon successo anche per la mostra di ausili tifloinformatici e per l’unità oftalmica, che per tutta la giornata ha fatto tantissime visite gratuite, che hanno fatto da cornice a questa giornata voluta con forza dal consiglio regionale UICI Campania per sensibilizzare l’opinionre pubblica sui temi dell’ipovisione.

Pubblicazione del: 09-12-2016


« Precedente   Elenco   Successiva »


Titolo Precedente: Il ruolo dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti nel sistema dell'informazione: diritto di replica

Titolo Successivo: Bando Fondazione Intesa San Paolo

Elenco Generale “Ipovsione oggi: problematiche e prospettive” questo il titolo del seminario promosso da UICI Campania a Nola


LOGIN

  

Registrati

Recupera Password


Statistiche Sito

Accessi totali:14194

Pag. Visitate:30362

Accessi di Oggi 4

Pagine di Oggi 4


Utenti Registrati: 21

L'ultimo è stato: Luca97
14-03-2017 [14:29]


Utenti Online:1
Anonimi: 1
Registrati: 0